• Febbraio 5, 2024 10:17 am
  • Prato
New
565650

La Via della Lana e della Seta è un itinerario escursionistico che collega le città di Bologna e di Prato, l’itinerario si snoda attraverso un caleidoscopio di paesaggi incredibilmente selvaggi, fortemente connotati da architetture medievali e dall’archeologia industriale legata alle lavorazioni tessili.

Questo itinerario infatti collega gli impianti idraulici della Chiusa di Casalecchio (Bologna) con quelli del Cavalciotto (Prato) elementi che furoni fondamentali per lo sviluppo industriale di queste città. Le acque infatti erano indispensabili in passato per muovere i macchinari dell’industria tessile di Prato e della produzione della seta di cui Bologna era la capitale.

Un itinerario di trekking che permette di immergersi nelle bellezze naturali dell’Appennino Tosco Emiliano, ricco di eccellenze e tradizione, e scoprire quanta storia e cultura si nascondono in questo territorio. 

IL VIAGGIO IN BREVE

  • Dove: Da Bologna a Prato
  • Stile: Itinerante
  • Durata: 6 giorni e 5 notti
  • Trasporto bagaglio: Sì, 1 solo collo dimensioni max. 60x40x30 cm
  • Degustazione di prodotti locali: Sì, 2 degustazioni
  • Visite: Sì, 2 visite a musei del territorio
  • Date: da aprile ad ottobre, scorri alla scheda seguente
  • Sistemazione: Piccoli alberghi, B&B a conduzione familiare, Agriturismi e Rifugio
  • Camere: condivise con altri partecipanti – doppie/matrimoniali, triple, multiple (nel Rifugi)
  • Bagni: in camera / in condivisione a seconda delle strutture
  • Difficoltà: Impegnativo – La Via della Lana e della Seta è un percorso escursionistico lungo 130 km circa, le tappe giornaliere sono di oltre 20 Km con dislivelli spesso impegnativi. L’Appennino è un alternarsi continuo di salite e discese, occorre quindi avere una preparazione adeguata.
  • Non adatto a chi non ha mai praticato escursionismo/cammini
  • Rispetto alla Via degli Dei richiede un impegno fisico maggiore!

PROGRAMMA:

  • 1° giorno:  Km 23 (Dislivello +/-: +830 m/ – 510 m) da Bologna al Rifugio il Poggiolo. Appuntamento con la guida alle 8.00 in stazione a Bologna. Consegna dei bagagli e partenza. Dopo aver attraversato il centro cittadino e le sue antiche vie d’acqua, costeggiando il canale del Reno, giungeremo al Parco della Chiusa e ci incammineremo verso il centro di Casalecchio di Reno da dove prenderemo il treno che in una quindicina di minuti ci porterà a Lama di Reno.  Scesi alla piccola stazione vediamo davanti a noi le prime montagne, ci dirigiamo verso Panico con la sua Pieve romanica (XII sec.), prendiamo quota costeggiando i vigneti DOC e DOCG dei colli bolognesi, si giunge sul crinale tra la Valle del Reno e quella del Setta, immergendoci nel Parco Storico di Monte Sole. I nostri passi percorreranno gli stessi un tempo utilizzati durante la guerra dai partigiani, e ci porteranno in alcuni luoghi tristemente noti per la Strage di Marzabotto e tra i più significativi nella storia della Brigata Partigiana Stella Rossa. Pernottamento nel cuore del Parco, immersi nel silenzio di queste terre.
  • 2° giorno:  Km 18  (Dislivello +/-: +740 m/ – 410 m) Rifugio il Poggiolo a Grizzana Morandi Prosegue il nostro cammino lungo i luoghi e i sentieri della Memoria conquistando la cima di Monte Termine e Monte Salvaro (826 m), sul percorso troviamo un grande numero di postazioni e foxholes sia tedesche che alleate. Inizia ora la discesa in direzione di Grizzana Morandi al nostro arrivo ci attende ai famosi Fienili di Campiaro e la vicina Casa Museo Giorgio Morandi. Il nostro riposo sarà in un posto magico, una tana immersa nel verde sarà sicuramente un’indimenticabile esperienza!
  • 3° giorno:  Km 22 (Dislivello +/-: +900 m/ – 850 m) da Grizzana Morandi a Castiglione dei Pepoli Ritornando sui nostri passi torniamo verso il centro di Grizzana, prosegue il nostro cammino lungo il crinale tra le valli del Reno e del Setta, dove antico e moderno si alternano in uno dei tratti paesaggistici più sensazionali della Via! Sul nostro cammino passeremo per borghi medievali e paesini millenari tipicamente appenninici, boschi di castagno, rii e ruscelli. Prima di giungere in paese una fantastica merenda a base di prodotti locali provenienti dalle diverse aziende agricole del territorio. Si giunge infine alla magnifica piazza di Castiglione dei Pepoli sulla quale si affacciano affascinanti edifici storici, un attimo di riposo e poi ci attende il Centro di Cultura “Paolo Guidotti”, un racconto dell’Appennino bolognese dalla preistoria al secolo scorso.
  • 4° giorno: Km 21 (Dislivello +/-: +900 m/ – 1000 m) da Castiglione dei Pepoli a Vernio Una tappa sulle terre di confine, in tutta la loro bellezza, che ci conducono al confine tra Emilia e Toscana, in direzione di Vernio, nella Val di Bisenzio che tutt’oggi preserva la florida produzione tessile. Passeremo per tipici borghi dal sapore Montanaro come Rasora e Storaia, e Montepiano una delle località turistiche più rinomate e più frequentate della Toscana a fine ‘800. Che ne dite di una degustazione all’arrivo in struttura a Vernio?
  • 5° giorno: Km 20 (Dislivello +/-: +900 m/ – 950 m) da Vernio a Vaiano Ci lasciamo alle spalle boschi e abetaie per il sentiero di crinale della Calvana tipicamente carsico: aspro e roccioso, che un tempo ospitava il letto dell’antico Bisenzio. Antico luogo di transito e di transumanza fin dal Neolitico, il crinale fu utilizzato dagli Etruschi per i commerci con Marzabotto (Kainua), Bologna (Felsina). Passando da Sofignano e Le Fornaci (di epoca romana) arriveremo a Vaiano. *Da Vaiano breve transfer privato per l’arrivo in struttura, il giorno dopo ci riporteranno in prossimità del cammino.
  • 6° giorno: Km 22 (Dislivello +/-: +800 m/ – 900 m) da Vaiano a Prato Ultimo giorno di cammino e, prima dell’agognata meta, ammireremo le evidenze storico artistiche della valle fondersi con il paesaggio circostante tra vigne e antiche dimore. Scesi dalla Calvana passeremo per il Cavalciotto di Santa Lucia, luogo simbolo del cammino e forza motrice delle antiche fabbriche cittadine. Poi l’arrivo a Piazza del Duomo, e l’emozione si trasformerà in ricordo! Il percorso termina alla stazione di Prato da dove si può fare rientro in treno.

Panoramica

  • Tipologia : Montagna, Natura, Outdoor - Trekking, Outdoor - Montagna, Outdoor - Natura
  • Area Prodotto : Active
  • Linea Prodotto : Natura, Scoperta del Territorio

Caratteristiche Principali:

  • trekking
  • via della seta
  • prato

Location

Prato

Lascia una recensione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *