• Marzo 13, 2024 9:56 am
  • Prato
New

GIORNO 1

Il nostro tour a piedi inizia con la visita alle Manifatture Digitali Cinema, un esempio di riqualificazione di un’area urbana, che trova sede nell’Ex Monastero di Santa Caterina, e oggi polo innovativo per le produzioni audiovisive e cinematografiche. Dispone di un laboratorio di sartoria di alta tecnologia che offre la possibilità, attraverso corsi di alta formazione, di riposizionare vecchi mestieri e saperi artigianali in un’industria che richiede professionalità sempre più qualificate e specializzate.

A seguire visiteremo il Museo del Tessuto, situato nell’ex Cimatoria Campolmi, uno dei più significativi esempi di archeologia industriale riconvertita in polo culturale. All’interno del museo è possibile ammirare la storia tessile dell’area, in un percorso espositivo che parte dalla storia antica fino a quella contemporanea dei giorni nostri. Questo centro culturale rappresenta la memoria storica del distretto tessile di Prato, una realtà che affonda le proprie origini nel Medioevo e che si attesta ancora oggi come una delle più importanti in Europa.

Continuiamo il nostro tour percorrendo il “tratto cittadino” della Via della Lana e della Seta – lunga 130 chilometri collega Bologna (per secoli capitale della seta) a Prato (capitale del distretto della lana e del tessile), due città accomunate dalla loro importante storia produttiva, cresciute grazie alla sapiente gestione delle acque – e che per l’Area Pratese coinvolge i comuni di Vernio, Vaiano e Prato. Visiteremo dunque il Duomo di Prato, il cui pulpito fu disegnato da Donatello e Michelozzo, e all’esterno presenta una struttura in marmo verde e bianco a strisce, caratteristica di molti monumenti ed edifici religiosi toscani. Da qui procediamo verso Piazza del Comune, dove oltre al Palazzo Comunale e alla Fontana del Bacchino, sarà possibile ammirare il Palazzo Pretorio, un’imponente costruzione medievale che ospita al suo interno il Museo. Qui sono custodite opere di Bernardo Daddi, Giovanni da Milano, Donatello e molti altri artisti.

Tappa finale del nostro tour sarà il Castello dell’Imperatore, unico esempio di architettura sveva nell’Italia centro-settentrionale.

Ore 20.00 Per la cena visiteremo un birrificio artigianale per un tour guidato alla scoperta del processo produttivo della birra; un racconto su come nasce la birra e quali sono le trasformazioni cui va incontro prima di arrivare nei nostri bicchieri. La visita di concluderà con una degustazione di birre e una gustosa cena di accompagnamento.

Ore 21.30 Trasferimento verso Il Rugea – Le Spighe Resort, dimora storica del 1500, dal passato mediceo, e resort diffuso immerso nel verde di un giardino all’italiana; un luogo in cui l’aperta campagna, l’architettura e le camere arredate in stile d’epoca si abbracciano.

GIORNO 2

Ore 9.30 Dopo una buona colazione continuiamo il nostro tour nell’Area Pratese visitando le ville Medicee di Poggio a Caiano e Artimino, che dal 2013 sono diventate parte del Patrimonio Unesco.

La prima tappa è la Villa Ambra di Poggio a Caiano, un esempio di architettura rinascimentale che è sintesi tra la “lezione dei classici” ed elementi di architettura rurale toscana. Il complesso della villa include anche il parco e le Scuderie, cui avremo la possibilità di visitare in quanto ospita il Museo Soffici e la biblioteca.

Da Poggio a Caiano ci spostiamo a Villa la Ferdinanda, conosciuta anche col nome di Villa dei Cento Camini e costruita dal granduca Ferdinando I sul colle di Artimino a fine del Cinquecento. Un imponente edificio legato al territorio con una grandiosa riserva di caccia, curata con grande interesse dallo stesso Granduca.

Panoramica

  • Tipologia : Arte e Cultura
  • Linea Prodotto : Viaggi d'Arte, Scoperta del Territorio

Caratteristiche Principali:

  • visite guidate
  • prato
  • tessuto

Location

Prato

Lascia una recensione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *